Al Network DiCultHer oggi aderiscono oltre sessanta organizzazioni culturali italiane, tra cui 26 Università, Istituzioni culturali, Enti di ricerca ed imprese. Un network rappresentativo di competenze ed interessi sul patrimonio culturale che, pur approcciando, in relazione ai rispettivi mandati istituzionali, il tema delle competenze e della valorizzazione del Cultural Heritage, ed in particolare nel Digital Cultural Heritage da diversi punti di vista, si riconoscono in un modello operativo di condivisione dei saperi e che fanno della ‘titolarità’ culturale e dell’accesso ai contenuti fattori abilitanti per promuovere modelli formativi in linea con le esigenze del sistema Paese, in Europa.


Logo Diculther School
assicurare il diritto di ogni cittadino ad essere educato alla conoscenza e all’uso responsabile del patrimonio culturale


Tra l’altro, la recente intesa tra la Direzione Generale Educazione e Ricerca del MiBACT per l’attuazione del Piano Nazionale per l’Educazione al Patrimonio Culturale e la Scuola a Rete DiCultHer costituisce, anche in questo contesto, una cornice significativa verso la realizzazione delle finalità del Piano stesso per assicurare il “diritto di ogni cittadino ad essere educato alla conoscenza e all’uso responsabile del patrimonio culturale”.

In tale prospettiva, la consultazione pubblica che DiCultHer si è fatta carico di avviare per sostenere la proposta Safeguarding and enhancing Europe’s intangible cultural heritage attraverso il più ampio coinvolgimento delle Istituzioni culturali italiane, nella prospettiva di pervenire ad un Position Paper italiano sul tema, è essenziale per il conseguimento di una Risoluzione condivisa partendo da tutti quei presidi culturali capillarmente diffusi sul territorio del ns continente.


Logo Diculther School
un position paper per la salvaguardia e valorizzazione dell’immenso patrimonio culturale immateriale che attesta la pluralità delle culture europee, che indichi strategie nazionali ed europee per preservare questo patrimonio in formato digitale, e lo scambio di buone prassi per la valorizzazione e il suo utilizzo per scopi didattici, cultural, di ricerca.